Il mondo del cinema abbonda di attori, registi, sceneggiatori, facenti parte della stessa famiglia. I casi più ovvii sono i figli d’arte, ma ci sono diversi altri casi di parentela, e non tutti così noti o palesi, a volte anche per precisa volontà degli interessati.
In questa prima puntata vediamo un po’ di parentele tra volti noti, ma che non sempre poniamo in relazione l’uno con l’altro.

Shirley e Warren

s&w

La bella e brava Shirley McLaine (Irma la dolce, L’appartamento, Fiori d’acciaio), che deve il suo nome alla passione dei genitori per la diva-bambina Shirley Temple, è la sorella maggiore di Warren Beatty (Splendore nell’erba, Bonnie and Clyde, Reds, Bugsy), e di conseguenza cognata della di lui moglie, l’attrice Annette Benning (Cartoline dall’inferno, A proposito di Henry, American Beauty).
Entrambi i fratelli modificarono il proprio cognome originale, McLean Beaty: Shirley da McLean in McLaine, e Warren da Beaty a Beatty. Le loro carriere artistiche non si sono mai incrociate.

Jon e Angelina

j&a

Jon Voight (Un uomo da marciapiede, Tornando a casa, A trenta secondi dalla fine) è il padre di Angelina Jolie (Lara Croft, Ragazze interrotte, Mr. and Mrs. Smith) e James Haven (attore e produttore). Padre e figli non sono mai andati eccessivamente d’accordo, ed è significativo che sia Angelina che James abbiano cambiato legalmente cognome appena possibile.

Jamie, Tony, Janet

jamie

Il nome parla da solo, infatti la bella e spiritosa Jamie Lee Curtis (Una poltrona per due, Un pesce di nome Wanda, True lies) è figlia di Tony Curtis. Ma anche la madre è stata un’attrice famosa, si tratta infatti di Janet Leigh, principalmente ricordata come la protagonista di Psycho di Alfred Hitchcock.

Nicolas

cage

Il vero nome di Nicolas Cage (Via da Las Vegas, Face off, Stregata dalla luna) è Nicolas Kim Coppola. Fa infatti parte della talentuosa famiglia italo-americana, è nipote di Francis Ford e cugino di Sofia. Decise molto giovane di cambiare cognome, per cercare di affermarsi a prescindere dal famoso zio. Forse il cognome stesso che si è scelto (cage significa gabbia) è indizio di quanto ingombrante fosse per lui tale parentela.

Olivia e Joan

o&j

Un salto nel passato per queste due famose attrici, che si affermarono separatamente e furono sempre divise da profondi dissidi sul piano personale, e di conseguenza anche su quello professionale.

Olivia de Havilland mantenne il nome di famiglia, e viene ricordata principalmente per il ruolo di Melania in Via col vento. Ma fu protagonista di diverse altre pellicole di rilievo, tra cui Lo specchio scuro e L’ereditiera.
Joan Fontaine, sorella minore di Olivia, ha a sua volta interpretato film molto noti come Rebecca – La prima moglie e Il sospetto (entrambi di Hitchcock).

A dispetto della loro reciproca antipatia, hanno tuttavia qualcosa in comune: sono le uniche due sorelle nella storia del cinema ad aver vinto un Oscar ciascuna, ed entrambe come migliore attrice protagonista: Joan per Il sospetto, e Olivia due volte, per A ciascuno il suo destino e L’ereditiera.

Un piccolo, divertente aneddoto narra come durante uno dei tanti party hollywodiani un ospite venne presentato all’allora esordiente Joan (mentre Olivia aveva già girato diverse pellicole) e le chiese: “Lei è sorella di quella affascinante attrice, vero?” Al che Joan ribattè: “No, quella è mia sorella.” Quando si dice avere la risposta pronta.

Jayne e Mariska

j&m

Negli anni ’50 Jayne Mansfield divenne nota per i capelli biondo-platino e il fisico da pin-up, che la contrapponevano all’altra famosa bionda di quel periodo, Marilyn Monroe. La Mansfield morì a soli 34 anni in modo veramente orribile, in un incidente d’auto dove venne decapitata dalle lamiere, e dove trovarono la morte anche il suo avvocato e l’autista. Ne uscirono invece miracolosamente illesi tre dei cinque figli da lei avuti con l’ex Mister Universo Mickey Hargitay, che dormivano nel sedile posteriore.

Tra di loro vi era Mariska Hargitay, che è poi diventata nota come la detective Olivia Benson nella serie tv Law & Order – Unità Vittime Speciali.
Un particolare interessante: a forza di interpretare trame su vittime di stupri e violenze varie, la Hargitay ha sviluppato nel tempo un autentico interesse per tali problematiche, e si è resa molto attiva in merito, arrivando a fondare una associazione no profit per persone che hanno subìto abusi.

…a seguire

1 marzo 2018